La mostra Il Principe dei sogni. Giuseppe negli arazzi medicei di Pontormo e Bronzino

La mostra “Il Principe dei sogni. Giuseppe negli arazzi medicei di Pontormo e Bronzino” raduna insieme, per la prima volta dopo centocinquanta anni, i venti arazzi cinquecenteschi commissionati da Cosimo I de’ Medici per la Sala de’ Dugento di Palazzo Vecchio. Gli arazzi raffigurano la storia di Giuseppe e nel 1882 furono divisi per volere dei Savoia tra Firenze e il Palazzo del Quirinale.

Ora tornano eccezionalmente ad essere esposti insieme per la prima volta dall’Unità d’Italia in una mostra unica, che si apre al pubblico il 17 febbraio 2015 a Roma (Salone dei Corazzieri del Palazzo del Quirinale, fino al 12 aprile), per poi passare a Milano (Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale, dal 30 aprile al 23 agosto 2015) e Firenze (Sala dei Duecento di Palazzo Vecchio, dal 15 settembre fino al 15 febbraio 2016), per volere della Presidenza della Repubblica Italiana e del Comune di Firenze.

La straordinaria raffinatezza della loro manifattura, l'unità della composizione dei soggetti raffigurati, la singolare vicenda storica che li ha interessati, profondamente intrecciata alla storia d'Italia, fa di questo progetto espositivo un evento di portata internazionale rilevanza simbolica, culturae e storico artistica

L’esposizione, a cura di Louis Godart, è promossa dalla Presidenza della Repubblica Italiana, dal Comune di Firenze e dal Comune di Milano in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Expo 2015 e la Fondazione Bracco. La realizzazione della mostra si deve a Gucci (main sponsor) con la partecipazione di Expo 2015, Fondazione Bracco, Acea, Ente Cassa di Risparmio di Firenze e Poste Italiane.

L’organizzazione generale è di Comunicare Organizzando.

Scarica sotto il comunicato stampa integrale!

Instagram

#FondazioneBracco Segui Fondazione Bracco
su Instagram

Instagram

#FondazioneBracco Segui Fondazione Bracco su Instagram