Numerose ricerche nel mondo dell'informazione dimostrano che le donne sono raramente interpellate dai media in qualità di esperte. A spiegare e interpretare il mondo sono quasi sempre gli uomini: nell'82% dei casi secondo i risultati nazionali del Global Media Monitoring Project 2015. Il progetto 100 donne contro gli stereotipi ha l'obiettivo di incrementare la presenza nei media e nella società civile delle voci delle professioniste, partendo dai settori di sapere con una disparità di genere più accentuata.

L'Osservatorio di Pavia e l'associazione Gi.U.Li.A., in collaborazione con Fondazione Bracco e con il supporto della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, hanno lanciato infatti www.100esperte.it , una banca dati online, inaugurata nel 2016 con 100 nomi e CV di esperte di STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics), un settore storicamente sotto-rappresentato dalle donne e al contempo strategico per lo sviluppo economico e sociale del nostro paese, arricchito nel 2018 con le esperte del settore economico finanziario. Il sito è stato ideato e costruito per crescere nel tempo, incrementando il numero di esperte e ampliando i settori disciplinari.

Accanto alla banca dati online, che fornisce profilo e contatti di ogni professionista e permette all'utente di filtrare per ambito di sapere e specializzazione scientifica, Fondazione Bracco ha promosso la nascita della collana #100esperte, edita da Egea e curata da Luisella Seveso e Giovanna Pezzuoli, per affiancare allo strumento digitale uno narrativo, che potesse dar conto della commistione di vita privata e professionale, delle difficoltà lavorative e delle conquiste di carriera di scienziate ed economiste. In quest'ottica nel 2017 è stato pubblicato "100 donne contro gli stereotipi per la scienza" e nel 2018 "100 donne contro gli stereotipi per l'economia".

Nei prossimi otto anni il PIL mondiale potrebbe aumentare più di due punti percentuali se il gap di partecipazione delle donne all'economia si dimezzasse, stima un rapporto dell'OCSE. Stereotipi e pregiudizi quando non discriminazioni sulle donne fanno pagare al mondo un significativo costo di mancata crescita. Valorizzare il lavoro delle economiste è importante tanto quanto valorizzare le professioniste STEM, perché vuol dire avere uno sguardo lungimirante sul nostro futuro, in cui una partecipazione femminile in linea con quella maschile significa più ricchezza, per tutti.

La selezione delle esperte è stata realizzata in collaborazione con il Centro Genders dell'Università degli Studi di Milano, per le STEM, e dell'Università Bocconi, per l'area Economia e Finanza. In entrambi i casi, sotto la supervisione di un Comitato Scientifico.

Il progetto è promosso da Osservatorio di Pavia e l’Associazione di Giornaliste GiULiA, in collaborazione con Fondazione Bracco, con il supporto della Commissione Europea, Rappresentanza in Italia, con il patrocinio della RAI Radiotelevisione Italiana, del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti e della Consigliera Nazionale di Parità istituita presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Visita il sito 100esperte.it/

  • A che punto siamo
    08.03.2018

    Lancio della banca dati economiste

    A un anno e mezzo dal lancio del progetto “100 donne contro gli stereotipi” e dalla messa online della banca dati #100esperte, i partner hanno organizzato in occasione della Festa Internazionale della Donna, presso le sedi di Roma e Milano della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, un evento per illustrare i risultati fin qui raggiunti e per presentare i nuovi sviluppi. 
    Dopo il successo avuto con le ricercatrici e le donne di scienza, ora il focus è dedicato alle economiste.
    In occasione dell’8 marzo viene presentata la nuova banca dati che raccoglie i curricula di autorevoli donne italiane.

    Valorizzare il lavoro delle economiste vuol dire avere uno sguardo lungimirante sul nostro futuro, in cui una partecipazione femminile in linea con quella maschile significa più ricchezza, per tutti.

    Per scaricare il programma

    20 aprile 2017

    Incontro "Da #ragazzeSTEM a #100esperte: modelli di vita straordinari e possibili"

    Nell'ambito dell'iniziativa #STEMintheCity, promossa dal Comune di Milano con l'obiettivo di avvicinare le ragazze allo studio delle materie tecnico-scientifiche, la presentazione dei libri "100 donne contro gli stereotipi per la scienza" e "Le ragazze con il pallino per la matematica" intende dare voce a modelli femminili "straordinari ma possibili" (giovedì 20 aprile 2017, Teatrino di Palazzo Visconti).

    Oggi non esistono più solo Rita Levi Montalcini e Margherita Hack. Le storie raccontate nei due libri sono la testimonianza concreta che donne, scienza e carriera non sono parole inconciliabili. Le ragazze che devono affrontare le loro prime scelte di studio e professione hanno oggi a portata di mano modelli possibili di vite “normalmente straordinarie” con cui confrontarsi e a cui ispirarsi.

    Intervengono Roberta Cocco, Assessora Trasformazione digitale e Servizi civici del Comune di Milano, Francesco Morace, sociologo e saggista, le #100esperte Patrizia Caraveo, astrofisica e Raffaella Rumiati, professoressa di Neuroscienze cognitive; le #ragazzeSTEM Matilde Padovano, medaglia d’oro alle olimpiadi nazionali di informatica del 2016 e Daniela Molinari, autrice di Amolamatematica, Nicola Saldutti, Caporedattore dell’economia al Corriere della Sera e Diana Bracco, Presidente di Fondazione Bracco. LEGGI QUI IL PROGRAMMA!

    08.03.2017 - Giornata Internazionale della Donna

    Un libro per raccontare le scienziate del progetto '100 donne contro gli stereotipi'

    nell'anno del 90° Anniversario del Gruppo, Fondazione Bracco realizza un libro per raccontare le storie, tra vita privata e carriera lavorativa, delle scienziate italiane protagoniste del progetto "100 donne contro gli stereotipi", nato per promuovere voci femminili autorevoli all'interno del dibattito pubblico. Il libro dà la parola alle 100 scienziate, che raccontano in prima persona la loro determinazione nell’arrivare a traguardi di grande prestigio. 

    Oltre alla descrizione dell’impegno delle istituzioni pubbliche e private per combattere le persistenti disuguaglianze uomo-donna (Beatrice Covassi, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea; Diana Bracco, Fondazione Bracco), il testo, edito da Egea, è arricchito da alcuni contributi di approfondimento del contesto donne&scienza.

    “In occasione della pubblicazione di questo bel libro” afferma Diana Bracco, Presidente di Fondazione Bracco, “voglio lanciare un appello alle ragazze più giovani: non accettate mai il pregiudizio che vorrebbe le donne meno adatte agli studi tecnico-scientifici e alle relative professioni. Conquistatevi il vostro ruolo nella società con fiducia, coraggio, tenacia e generosità”.

    Il volume è stato presentato in occasione della Giornata della Donna, ed è in distribuzione nelle librerie a partire dal 2 marzo 2017, per saperne di più visita il sito della casa editrice.

    La vendita del libro contribuirà al progetto promosso dal poliambulatorio di Opera San Francesco per i Poveri alla prevenzione dell’HPV (Huma Papilloma Virus) attraverso la somministrazione di un vaccino quadrivalente alle giovani immigrate e a donne in condizioni di disagio. Seguici su faceboook e twitter: #100esperte

    2 dicembre 2016

    #100esperte presentato al TEDMED Call4Brain, nella sessione dedicata alla diversità come motore di cambiamento

    Tra i workshop del TEDMED #Call4Brain di Fightthestroke, ospitato al Politecnico di Milano, spicca la sessione ‘What if not being perfect can explain diversity in science?' curata da Fondazione Bracco, nell'ambito del proprio impegno a favore delle donne. 

    Tra gli speaker Telmo Pievani, filosofo ed evoluzionista, che ha proposto una riflessione sulla diversità come catalizzatore di cambiamento a partire dal mondo naturale e Greta Radaelli, giovane ricercatrice dell'IIT-Istituto Italiano di Tecnologia e scienziata online grazie al progetto #100esperteStimolante mattinata al TEDMED #Call4Brain di Fightthestroke, dedicato a scienza e innovazione. La sessione ha proposto infatti la DIVERSITA' come strategia e risorsa di cambiamento attraverso un percorso multidisciplinare. 

    Telmo Pievani, evoluzionista e professore all'Università degli Studi di Padova, ha articolato il concetto partendo dagli organismi biologici, che proprio attraverso la diversità si adattano e rinnovano se stessi, mentre la perfezione, di per sè statica, non permetterebbe alcun movimento in avanti. Greta Radaelli, ricercatrice all'IIT-Istituto Italiano di Tecnologia ha ripreso il concetto di diversità di genere, raccontando il nostro progetto #100esperte, banca dati online di scienziate nata per aumentare la presenza femminile nei media. 

    Il pubblico ha poi avuto la possibilità di esplorare il concetto attraverso la condivisione di storie proprie e altrui, nel segno dell'esperienza personale, in cui la diversità è stata portatrice di cambiamento e quindi di evoluzione e innovazione, individuale e collettiva.

    Per saperne di più leggi l'articolo su Corriere Sociale

    3 novembre 2016

    Presentazione della piattaforma al Festival della scienza di Genova

    La piattaforma 100esperte.it è stata presentata all'interno della significativa cornice del Festival della Scienza di Genova, il progetto intende essere una banca dati online di profili eccellenti, uno strumento utile ai media ma non solo, per affiancare agli esperti uomini voci femminili autorevoli, che possano aiutarci ad interpretare la realtà, a partire dal campo delle scienze.

    La sessione ha visto gli interventi di stakeholder e protagonisti, scopri qui il programma

     

     

  • I risultati

    Dall'avvio del progetto all'8 marzo 2018

    131

    esperte STEM online

    58

    economiste online

    +200

    interviste sui media

  • Press & Downloads