La mostra fotografica “Wasteland. The Garbage Patch State”, promossa da Fondazione Bracco e CDI – Centro Diagnostico Italiano, racconta l’intervento artistico di Maria Cristina Finucci, attraverso una serie di istallazioni realizzate con tappi di plastica, per sensibilizzare il grande pubblico sull’inquinamento in mare. L’esposizione è visitabile dal 2 luglio al 31 ottobre 2018 a Milano, presso il CDI – Centro Diagnostico Italiano (via Saint Bon 20). 

L’itinerario fotografico inizia nel 2013 con la creazione da parte dell’artista all’UNESCO di uno Stato Federale di finzione, costituito da cinque enormi isole di plastica. Se lo stato è di finzione, purtroppo le isole sono invece un fenomeno reale, formatosi negli ultimi sessant’anni. I giganteschi agglomerati di plastica galleggiano negli oceani del mondo e hanno una superficie complessiva di 16 milioni di chilometri quadrati. Dalla fondazione di The Garbage Patch State, l’artista ha sviluppato una serie di interventi in varie città del mondo attraverso la creazione di opere monumentali di plastica site specific, raccontate nella mostra.

Fondazione Bracco prosegue con il ciclo di mostre al Centro Diagnostico Italiano, dedicando quest’anno il proprio focus sul tema cruciale dell’inquinamento ambientale. La collaborazione con l’artista Maria Cristina Finucci è iniziata nel 2015, anno in cui la Fondazione ha commissionato l’opera “Il Vortice” e prosegue nel 2018 con l’intervento “HELP the ocean” ai Fori Imperiali di Roma.

  • Informazioni utili

    La mostra è aperta dal 2 luglio al 31 ottobre 2018

    CDI – Centro Diagnostico Italiano / Milano, via Saint Bon, 20

    Ingresso libero con orario: lun-ven 7-19 e sabato 7-18

     

    Inaugurazione: lunedì 2 luglio, ore 18.30